Crea sito

La vestaglia a fiori

178864325_d221b25551

Non so più che farmene

 

di quelle macchie di capillari su fondo bianco

e dei lembi di seta stinta sulle cosce.

 

Umido sempre è il suono del tamburo

abbarbicato al ventre.

 

Ma cos’è al confronto trascinare rasoterra

una e più pagine di cemento?

 

Una bulimia placentare mai saziata

da sfamare a morsi e graffi.

 

Eppure sono qui, fango al fango

e non sudo.

 568 total views,  2 views today

The following two tabs change content below.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top