È tua questa missione

Vedo ora, mentre invecchiamo,
che sei la mia giovinezza. Tu
con la gonna vela
nella fenditura delle gambe
sul terrazzo di via Sabotino e i capelli
cinti e i piccoli globi sotto l’incollo
della maglia di lana rasa. E
che è tua questa missione. Di
non farti spettacolo
dell’assopirsi, di non vestire -tu
che mi sei giovinezza- la ripetizione
la rassegnazione, l’anima offesa. Ma
di restare luce
ai miei occhi che abbuiano e
di essere nuda per sempre
che è il tuo vestito
che non si può gualcire.

200 views

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*