QUANDO VADO VIA DALLA TUA CASA

nel miraggio che si trascorre fuori
sono il naufrago del mio naufragio
lo spettatore del fotogramma prima:
non fa mistero il giorno
d’avermi mai sperato.
E mi frastornano gli atti, d’un tratto,
che non ho compiuto e sono io
l’ombra ubriaca che mi si incolla
al piede senza sapere
se ci sarà una meta.

Così fuggo
da Eea e insieme ti rimpiango.

Ma non sono tue le cosce
che mi tormentano, non è tuo il vallo
chiaro della schiena che scava,
si appiana e si sprofonda ancora
nella striscia d’ombra
delle natiche lucenti. Quella è la magia
che trasfigura Circe.

Nel mezzogiorno ancora
mi confondo
con l’uomo che ti ha sempre amata.

325 Visite totali, 3 visite odierne

The following two tabs change content below.

Ivano Ferrari

Ultimi post di Ivano Ferrari (vedi tutti)

Precedente Le dodici volte in cui ti ho amato Successivo Di riflesso

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.