Calmare un cuore semplice [Carlos Sanchez]

Esco al giorno senza astio
all’avventura senza limiti
alla strada senza ricordi
abbandono la sofferenza inutile
la fantasia malsana
il violino solitario
le lettere prigioniere nel baule
mi do subito
al divenire dei fatti
al succedersi degli eventi
abbandono i miei precari pensieri
muoio e resuscito ad ogni passo
anticipo la mia ombra
e accetto che il sole mi abbracci.
Non ho rotta fissa
nel fluttuare del mio corpo
in questo vagabondaggio di paese
viaggio leggero
senza l’affanno di arrivare
di essere atteso
senza desiderio di confermare sospetti.
Oggi esco incontro al giorno
e nient’altro

da “Ricordati che non sai ricordare” (ed.Lìbrati)

240 Visite totali, 1 visite odierne

The following two tabs change content below.

Luigi Finucci

Ultimi post di Luigi Finucci (vedi tutti)

Precedente L'errore Successivo Poesia che mi guardi

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.