La Camicia

85136

Dei 58 inverni,
O padre dal capello grigio
Resta il bavero di una camicia

Appesa, sul nero del nero di un castagno custode,
in penombra, quasi a scomparsa nel fresco che cela:
quel male che allenta i miei polsi
di tremori e spavento

Un ciglio solamente, smuove
Non appena aspiro il colore di quel cotone
Inerme
come il tempo che ha affollato
il ricordo
E quel poco che conobbi,
dei tuoi giorni in primavera.

Resta lì, come un pennacchio
che da anni attende
accapigliato al fil di ferro,
il rumore della pelle
che strofina le sue fronde

[Quasi un albero,
quasi un monito
quasi
una croce]

 

Questo articolo è stato pubblicato in Autore redent Enzo Lomanno da redent Enzo Lomanno . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su redent Enzo Lomanno

Redent Enzo Lomanno (Vincenzo Lomanno) nasce a Moncalieriil 05-04-1976 e vive attualmente a Roma. Scrive inizialmente per svago, raramente, poi sempre con più intensità. La poesia è per lui un qualcosa che va al di là di un semplice tratto: è una cura. Nel 2012 fonda il movimento Bibbia d’Asfalto (http://poesiaurbana.altervista.org/) insieme ad altri redattori e scrittori del Movimento, promuove diverse iniziative finalizzate alla socialità e all’arte, tra cui la rivista culturale quadrimestrale Bibbia d’Asfalto con la casa editrice Kipple officina libraria. I suoi testi sono stati pubblicati su vari blog letterari, Antologie, riviste specializzate (Pastiche, Versante Ripido, Almax Magazine ed altre). Ha pubblicato con Matisklo edizioni la raccolta poetica "Una Piuma a Babilonia" e "cicuta" con Terra d'Ulivi Edizioni. Collabora attivamente con 100 Thousand Poets for Change e con altre associazioni quali sicilia.punto.poesia e Revolutionary Poets Brigade.
200 views

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*