violenza è… (2003)

 

violenza

 

 

atto I

 

violenza è un fast food

un’agenda un satellite;

la Chiesa Cattolica e tutte le

chiese: indistintamente.

 

lo Stato, Sanremo

iscriversi al partito

violenza è un passatempo

è già di per sé

essere vivo.

 

violenza è un cane da guardia. la guardia

inglese; svegliarsi dalla cosa migliore che ti potesse capitare

per scoprire che stavi solo

sognando

 

 

atto II

 

violenza è Studio Aperto

voler essere da qualche altra parte;

gli specchi dei bar e tutti i bar

borghesi: indistintamente.

 

la Realpolitik, un orologio

la macchina burocratica

violenza è il sottopasso

la persona giuridica.

 

cercare l’infinito,

una frontiera,

lo Zecchino d’Oro; violenza

è una crema per la pelle

la prima

fila dei viali

 

 

atto III

 

talvolta la terza talvolta

la seconda –

 

violenza è civiltà

è una sveglia che suona

alle 06:00 del mattino,

la tua faccia riflessa allo specchio sopra

il tuo lavandino. fissati

 

un istante e sei finito,

un altro giorno regalato

a un Occidente

di David fermi immobili

ma nei loro

diritti: inalienabili

 

c’è sempre qualcuno che si ha paura di incontrare

camminando per strada;

beh coraggio

rialzati e picchia

la legge è sorda,

non parlarci

non ti sente

 

parla con me.

io sono l’anarchia

 

124 Visite totali, 2 visite odierne

The following two tabs change content below.
Precedente Alessia e il paesaggio iridato Successivo FIBULA

Lascia un commento

*