Attendere

D’autoctone sonorità s’avvolge,
il preludio del mattino.
In filastrocche solerti
a rimediare stelle, pochi
istanti dei drappi d’un sogno.

Bisbigli leggeri, nel richiamo
di celesti punti a dissipare

E le pieghe del viso:
stanche baruffe con il sole
Lemmi carnali delle mie
necessità. Un viaggio deluso,
contuso al fiorire del giorno.
Retrocesso un passo alla volta
sulle scale di mondi assecondati,
in desiderate latenze di ali sdrucite.

Oh, se pur vero ogni sasso dovrebbe affondare!
Morire con il mondo! Poiché spesso
la mia colpa è d’esistere e poi soccombere
E non volere, solo stare, senza volare.
Un adagiato cardine senziente
delle giostre senza posa
che attende

il frinire del grillo o il canto della marmotta.
La giusta vibrata liturgia sulle ossa
la magia della vita o la sua scossa

Questo articolo è stato pubblicato in Autore redent Enzo Lomanno e contrassegnato come , , da redent Enzo Lomanno . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su redent Enzo Lomanno

Redent Enzo Lomanno (Vincenzo Lomanno) nasce a Moncalieriil 05-04-1976 e vive attualmente a Roma. Scrive inizialmente per svago, raramente, poi sempre con più intensità. La poesia è per lui un qualcosa che va al di là di un semplice tratto: è una cura. Nel 2012 fonda il movimento Bibbia d’Asfalto (http://poesiaurbana.altervista.org/) insieme ad altri redattori e scrittori del Movimento, promuove diverse iniziative finalizzate alla socialità e all’arte, tra cui la rivista culturale quadrimestrale Bibbia d’Asfalto con la casa editrice Kipple officina libraria. I suoi testi sono stati pubblicati su vari blog letterari, Antologie, riviste specializzate (Pastiche, Versante Ripido, Almax Magazine ed altre). Ha pubblicato con Matisklo edizioni la raccolta poetica "Una Piuma a Babilonia" e "cicuta" con Terra d'Ulivi Edizioni. Collabora attivamente con 100 Thousand Poets for Change e con altre associazioni quali sicilia.punto.poesia e Revolutionary Poets Brigade.
148 views

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*