Le Labbra

Le ho toccate
e le ho baciate, lasciandole
andare

La loro errante bellezza
mi frammenta il braccio,
che un tempo cinto al collo
rimane ora triste
ed appeso in attesa di nulla
(buffo)

Giunto il dispaccio,
revoco di slancio ogni pretesa,
sviolinando il mio cuore
come un becero canarino
in picchiata crepo
da giusto

Non ci sono.
Così dicono le chiamate
in attesa

Non ci sono
o sono polvere,
pare

E mentre tic fa l’orologio,
raccolgo gli avanzi
del tuo lauto Pasto
da terra

Questo articolo è stato pubblicato in Autore redent Enzo Lomanno e contrassegnato come , , da redent Enzo Lomanno . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su redent Enzo Lomanno

Redent Enzo Lomanno (Vincenzo Lomanno) nasce a Moncalieriil 05-04-1976 e vive attualmente a Roma. Scrive inizialmente per svago, raramente, poi sempre con più intensità. La poesia è per lui un qualcosa che va al di là di un semplice tratto: è una cura. Nel 2012 fonda il movimento Bibbia d’Asfalto (http://poesiaurbana.altervista.org/) insieme ad altri redattori e scrittori del Movimento, promuove diverse iniziative finalizzate alla socialità e all’arte, tra cui la rivista culturale quadrimestrale Bibbia d’Asfalto con la casa editrice Kipple officina libraria. I suoi testi sono stati pubblicati su vari blog letterari, Antologie, riviste specializzate (Pastiche, Versante Ripido, Almax Magazine ed altre). Ha pubblicato con Matisklo edizioni la raccolta poetica "Una Piuma a Babilonia" e "cicuta" con Terra d'Ulivi Edizioni. Collabora attivamente con 100 Thousand Poets for Change e con altre associazioni quali sicilia.punto.poesia e Revolutionary Poets Brigade.
172 views

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*