Poi

avrò cent’anni domani
e un sogno minuto di cose innominabili;
ti scriverò da lontano e sarò piccolo,
così talmente avvitato in fili d’aria e terra
che dovrai unirmi per farmi accadere.
Poi sarò solo un nome
disegnato a caso, un frammento
nel vento
della pioggia d’agosto.

146 Visite totali, 2 visite odierne

The following two tabs change content below.

Giovanni Perri

Ultimi post di Giovanni Perri (vedi tutti)

Precedente A rebel's sermon (di U.01) Successivo RIVERBERO

Lascia un commento

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.