Jón Kalman STEFÁNSSON / Poeti Internazionali

LO SCHERMO IN MEZZO A NOI

i suoi capelli chiari
come la dimora del sole
e quegli occhi
i favoriti della dea dell’amore
appiccano il fuoco a tutte le mie ombre
lei dice qualcosa
mi offre mondi
che credevo fossero degli dei soltanto

e senza volerlo
allungo le braccia
mentre
la telecamera arretra
e lui entra nell’inquadratura

IL PROGRESSO DELLA CIVILTA’

Senti
ecco una novità da lettere maiuscole
servono gli esclamativi:

IL SELVAGGIO CHE E’ IN NOI E’ SCOMPARSO!!!

stando alle notizie dell’ultim’ ora
l’hanno visto riunirsi in gruppi
e puntare verso i boschi più vicini
da allora

è giunta voce di sbronze colossali.

PRIMA CHE ME NE ACCORGESSI

-per Maria Karen

prima che me ne accorgessi
il mondo era stato cambiato

a dire il vero
l’affitto non è sceso
e la jeep del vicino
continua a tossire per mettersi in moto
alle sei e mezzo ogni mattina

ma il cielo è stato sostituito
la luce
non è più una questione di
lampadine o sole
non mi sveglio più
con la notte nella gola

prima che me ne accorgessi
qualcuno aveva cambiato le mie poesie

Poesie tratte da LA PRIMA VOLTA CHE IL DOLORE MI SALVO’ LA VITA – Iperborea Edizioni
traduzione di Silvia Cosimini

Jón Kalman STEFÁNSSON, nato a Reykjavík (1963), ex insegnante e bibliotecario, si dedica alla poesia prima di passare alla narrativa, distinguendosi subito per una lingua di singolare ricchezza evocativa e diventando uno dei più amati scrittori nordici. Attraverso potenti affreschi dell’Islanda di ieri e di oggi, i suoi romanzi affrontano le grandi domande dell’uomo, la vita, l’amore, il senso ultimo dell’esistenza, il potere dell’arte e della letteratura. Più volte nominato al Premio del Consiglio Nordico, con Luce d’estate ed è subito notte ha ricevuto il Premio Islandese per la Letteratura. Iperborea ha pubblicato anche la trilogia Paradiso e inferno, La tristezza degli angeli e Il cuore dell’uomo, oltre ai Pesci non hanno gambe e Grande come l’universo, che raccontano una saga famigliare spaziando da un capo all’altro dell’Islanda attraverso il Ventesimo secolo, il romanzo corale Storia di Ásta e Crepitio di stelle, la sua ultima saga familiare.

 640 total views,  2 views today

The following two tabs change content below.

Luigi Finucci

Nato a Fermo il 15/05/1984, dove risiede. Pubblica diverse sillogi di poesia tra il 2013 e il 2018 tra cui "L'ultimo Uomo" - Giaconi Editore, "Le prime volte non c'era stanchezza" - Eretica Edizioni e "Canto dell'attesa" - Ladolfi Editore. Collabora con Bibbia d'asfalto: Poesia Urbana e Autostradale e alcuni suoi componimenti sono presenti in diverse riviste, e alcuni suoi testi sono stati tradotti in spagnolo e in rumeno. Dal 2015 inizia a pubblicare libri per bambini sempre con la Giaconi, tra cui "L'aspirante Astronauta" e "Il paese degli Artigiani". In cantiere c'è un nuovo progetto sul mondo dell'acqua a cui l'autore è molto legato lavorando nel settore come Coordinatore di una struttura natatoria del Fermano e come Docente della Federazione Italiana Nuoto.

Ultimi post di Luigi Finucci (vedi tutti)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.